Come costruire un appendiabito idee di falegnameria fai da te

Perchè sprecare spazio prezioso ? Costruisci un mobile appendiabiti da anticamera o corridoio, che non è solo un elegante attaccapanni, ma allo stesso tempo libreria,cassettiera e panchetto.

appendiabiti fai da te

L’ingresso di un’abitazione non è soltanto il luogo do­ve si accolgono gli ospiti, ma rappresenta anche l’am­biente di passaggio dal­l’esterno – all’interno e tra le varie « zone » della casa. Qui si lasciano ombrelli ed impermeabili, cappelli e so­prabiti; qui, prima di uscire, si controlla allo specchio se la cravatta è storta e i ca­pelli sono in ordine. Qui i figli depositano libri di scuo­la e giocattoli. Qui il cane aspetta che lo portiate a spasso. In pratica una del­le stanze più frequentate della casa e la sua sistema­zione deve soddisfare mol­teplici esigenze.

Pertanto, quando lo spazio a disposizione è limitato, è necessario arredarlo con ele­menti dalle funzioni pluri­me e che abbiano un in­gombro contenuto.

Proprio tenendo presenti queste esigenze, puoi montare un mobile da ingresso che, oltre ad essere un ap­pendiabiti, comprende: un piano di appoggio che può essere usato per il telefono e per sedersi; un mobiletto a due sportelli, tre ripiani per libri e tre cassetti per gli oggetti che di solito si lasciano in giro e creano disordine. Si è pensato an­che ai bambini, collocando l’appendiabiti ad un’altezza loro accessibile.

Come costruire l’appendiabiti:

La struttura portante è co­stituita da un pannello in tavole profilate (dette per­line o doghe), che termi­na alla stessa altezza del­la cornice superiore del telaio della porta. Il pannello si inserisce così in modo or­ganico nell’ambiente dell’in­gresso, generalmente carat­terizzato da molte porte. Se lo spazio lo consente, è con­sigliabile accostare il pan­nello allo stipite della porta senza soluzione di continui­tà: si ottiene così un effetto soddisfacente anche dal pun­to di vista estetico.

Le perline (cioè quelle assi dotate di scanalatura da una parte e linguetta dall’altra) non vengono fissate diretta­mente alla parete, ma su supporti orizzontali che ser­vono da intelaiatura. Questa sistemazione offre due vantaggi: le assicelle si uni­scono non « a vista » con staffe di fissaggio, e l’umi­dità non viene trattenuta sul retro del pannello.

La parte superiore del mo­bile, quella che verrà usata come poggia cappelli, va ap­plicata alla parete-base sol­tanto una volta finita. Per fissarla si useranno occhielli a vite nella parte superiore e quattro sostegni in legno sagomati che serviranno per scaricare e ripartire il peso. Questi sostegni si realizza­no segando diagonalmente i due pezzi di pannello truciolare – del materiale da acquistare – e si dà quindi, con un seghetto da traforo, la forma adatta ai triangoli ottenuti. I bordi, pareggiati con lima e carta abrasiva, vanno rivestiti con una stri­scia di piallaccio, come tutte le superfici in vista di questo mobile polivalente.

Materiali Usati

elencomaterialeappendiabito

L’appendiabiti per i bambi­ni e lo specchio sono soste­nuti anch’essi dal pannello. Lo specchio, in realtà, lo è solo indirettamente, in quan­to poggia, sul retro, sopra un pannello di compensato che va verniciato e fissato alla parete. Lo specchio va montato sul compensato al­la fine del lavoro. La parte centrale del conte­nitore è « a giorno D, e per­tanto risultano a vista le as-sicelle del pannello. Se si vuole usare l’elemento di sinistra provvisto di sportel­li come scarpiera, è neces­sario realizzare il suo fon­do, anziché in compensato, in pannello forellato.

Tutti gli elementi portanti del contenitore sono assem­blati tra loro con spine in legno, i fondi invece sono fissati soltanto con chiodi e i listelli dello zoccolo sono incollati. Anche i cassetti sono costruiti in modo così semplice, che il relativo montaggio procede con no­tevole speditezza.

A costruzione finita tutte le superfici in legno, inclu­so il perlinato, vanno trat­tate con vernice al polieste­re per renderle resistenti al­le macchie e all’umidità.

 

Montaggio Appendiabito 

1appendiabitiseguenzamontaggio

Questo è il legname che occorre per il mobile. Se la porta è di altezza diversa, occorre modificare le misure. Ma se la differenza è minima, è sufficiente aggiungere una cornice. le assicelle profilate (o foghe) sono reperibili sul mercato in diverse larghezze, il loro numero va quindi calcolato in base a tale larghezza.

Altro materiale da acquistare: ferramenta, viti e tasselli. Per i due cuscini occorrono, oltre al materiale dell’elenco, due pezzi di gommapiuma (600 x 400 x 30 mm) e la stoffa per il rivestimento. Dato lo stile del mobile è molto adatto un tessuto grezzo a righe.

Fase 2

2seguenzappendiabitomontaggio

Si inizia con il fissare al muro, con viti, quattro supporti. I fori per i tasselli in plastica vanno praticati con una punta da 8 mm

Montata l’intelaiatura al muro, vi si applicano le perline che, inserite una nell’altra con linguetta a scanalatura, non possono deformarsi.

Nelle scanalature, le perline s’inchiodano in modo invisibile. Per evitare rotture nelle linguette si usano staffe di fissaggio(da inchiodare ad ogni incrocio).

Lateralmente si applicano listelli d’angolo. Se il telaio della porta è abbastanza sporgente, si può tralasciare il montaggio del listello adiacente.

3appendiabitoseguenza

Le giunzioni legno contro legno si realizzano con spine e collante. Un listello di legno duro inchiodato serve da guida per centrare i fori per le spine.

Tracciatura dei fori con una guida. Per praticare fori della stessa profondità si inserisce sulla punta del trapano un blocchetto di legno forato

Fase 3 montaggio appendiabito

seguenza1appendiabiti

I ripiani del mobiletto vanno poggiati su supporti in plastica. Prima di fissare i perni con i chiodi, occorre segnare i punti esatti di applicazione. Se non si mettono alla stessa altezza i ripiani ballano.

Le antine si montano con cerniere a nastro che si avvitano prima sul battente successivamente sul fianco. Il perno della cerniera deve risultare all’interno.

Le chiusure magnetiche assolvono due funzioni: servono come fermo e come battuta delle antine e risparmiano il laborioso montaggio di serrature. Esse conservano per anni la loro forza di attrazione

appendiabitiseguenza1

I fianchi dei cassetti si inchiodano e si incollano, il fondo si avvita dal di sotto. Per un cassetto più solido si può ricorrere agli incastri a coda di rondine.

Per lo scorrimento dei cassetti si applicano al di sotto di essi, sui due lati, listelli di legno duro. Sul davanti dei cassetti si incollano frontali in pannello truciolare impiallicciato.

appendiabitiseguenza2

La parte anteriore sagomata dei supporti dei porta-cappelli si riveste con strisce di piallaccio. La parte sporgente si elimina con un coltello e gli spigoli si carteggiano leggermente.

Il porta-cappelli si appende al pannello perlinato con occhielli, che non vanno semplicemente avviati, ma anche incassati nel legno perchè altrimenti l’unione risulterebbe antiestetica.

NB:

Buon lavoro a tutti ovviamente questa guida deve essere da spunto per vostre idee e creazioni , se volete scrivere un articolo contattatemi.

 

Post Correlati